Francesca Rita Rombolà

Da qualche giorno è iniziato il nuovo anno scolastico.

Bambini e ragazzi di ogni età vanno a scuola per imparare (mi auguro)molte cose, per essere pronti così ad affrontare la vita e anche la morte con la determinazione, il coraggio e il senso civico propri di esseri umani consapevoli e di cittadini di un mondo libero in continua evoluzione.

Sono bambini e ragazzi che hanno tutto il necessario, dal punto di vista materiale, e spesso anche il superfluo per poter vivere bene e sviluppare al meglio le loro potenzialità e la loro intelligenza.

Ma soprattutto hanno dei genitori, una famiglia che li amano, li proteggono e (purtroppo) li viziano.

Essere amati e protetti dai genitori, dalla famiglia è ormai, per i bambini e per i ragazzi dell’Occidente (il cosìddetto “primo mondo”), un diritto acquisito e una consuetudine quasi insita nel proprio codice genetico.

Non è così per tanti e tanti bambini e ragazzi di ogni parte del mondo, in primis di quei paesi dove la guerra, la povertà, la miseria, l’assenza di genitori, di una famiglia, di una società civile li ha privati e li priva anche del diritto ad essere amati… un diritto naturale per ogni bambino che viene al mondo.

 

Il diritto ad essere amati

Non conosco il gioco della palla

nè quello della playstation

o dei trenini di plastica a vapore

non ho mai avuto matite colorate

per disegnare e scoprire

nè una penna per imparare a scrivere

e scrivere tante cose

sul mondo e sulla vita.

Nel mio paese c’è la guerra,

orribile e implacabile si aggira


fra pianti e rovine

lo spettro della morte

e falcia la testa dei crochi in fiore

insieme a quella degli esseri umani

senza distinzione.

Ciascun giorno è la fame

a scandire le ore.

Ma ciò di cui soffro di più

essendo bambino

è il non avere un padre e una madre

le loro carezze e le loro premure.

Crescerò, lo so crescerò

diventerò prima adolescente

e poi adulto senza aver mai conosciuto

il diritto più implicito e più naturale

per un bambino:

il diritto ad essere amato.

Francesca Rita Rombolà

http://www.poesiaeletteratura.it/wordpress/wp-content/uploads/2012/09/La-poetessa-e-scrittrice-Francesca-Rita-Rombolà.jpghttp://www.poesiaeletteratura.it/wordpress/wp-content/uploads/2012/09/La-poetessa-e-scrittrice-Francesca-Rita-Rombolà-150x150.jpgpoesiaeletteraturaFrancesca Rita Rombolà
Da qualche giorno è iniziato il nuovo anno scolastico. Bambini e ragazzi di ogni età vanno a scuola per imparare (mi auguro)molte cose, per essere pronti così ad affrontare la vita e anche la morte con la determinazione, il coraggio e il senso civico propri di esseri umani consapevoli e...