La Poesia è suono – Un dialogo vivace e profondo con Fabio Casadei Turroni
Senza categoria / 27 Dicembre 2018

Fabio Casadei Turroni è nato nel 1964. Ha iniziato a scrivere narrativa nel 2000. E ancora si sente narratore, cioè scrittore di storie da offrire al lettore nel modo migliore che può. In ogni suo romanzo, o racconto, la Musica è importante. L’ultimo libro, “Perette Morali”, è una silloge di brevi storie ritmate: forse poesie, forse filastrocche. Ha basi accademiche musicali e, finchè ha potuto, ha eseguito musica altrui. La scrittura gli è scoppiata tra le mani nel momento esatto in cui non ha più potuto eseguire musica. Altre informazioni su Fabio Casadei Turroni possono essere attinte da Wikipedia. D – Fabio Casadei Turroni, iniziamo col parlare di musica che è, per così dire, il tuo campo di azione. Dove va la musica elevata, la musica classica, la musica lirica verso un futuro in cui primeggerà nella società come nelle epoche dei grandi compositori(Mozart, Beethoven, Verdi, Puccini ecc. ecc.)oppure si trasformerà progressivamente in musica sempre più di nicchia? R – Non è che la musica dei grandi autori fosse uno spettacolo di massa, vivi gli autori. I musicisti che sono rimasti nella storia hanno quasi sempre composto mentre altri musicisti, più corrivi al gusto del tempo, avevano maggior successo di…

Emily Bronte e il suo capolavoro letterario “Cime tempestose”
Senza categoria / 24 Novembre 2018

Tra Sette e Ottocento il romanzo inglese si anima vivacemente di una bella schiera di talenti femminili che esprimono con forza la presa di coscienza della donna, le istanze affermative del suo ruolo nella società, la sua indipendenza e autonomia nei confronti del raggelante codice di comportamento tradizionale. Ciascuna a suo modo, Clara Reeve, Fanny Burney, Ann Radcliffe, Jane Austen, Mary Shelley, George Eliot e le tre sorelle Bronte portano un contributo sostanziale all’emancipazione soprattutto intellettuale della donna, dotando in alcuni casi la letteratura di indiscutibili capolavori. Non è un puro caso che quasi tutte queste scrittrici rompano l’interdetto della professionalità letteraria della donna, conquistandosi una dimensione pubblica riconosciuta e definita. La donna in possesso di consapevolezza intellettuale si ribella al suo stato di soggezione e alla violenza di genere che ne consegue, e fa sentire la sua voce e la sua rabbia in termini del tutto nuovi. Delle tre sorelle Bronte, scrittrici, Emily è, di certo, la più irriducibile ai canoni di una narrativa tranquilla e regolamentata. E’ davvero la più insofferente e la più anarchica. La fusione e la compattezza di un capolavoro come “Cime tempestose”, che ha in sè un qualcosa di eroico e di epico, è…

Il romanzo “Cuore di Tenebra” di Joseph Conrad. Il suo difficile messaggio, la sua indiscussa attualità
Senza categoria / 17 Giugno 2018

“… Talvolta, di notte, un rullare di tamburi proveniente da dietro la cortina degli alberi trascorreva sul fiume e rimaneva vagamente sospeso, come aleggiante nell’aria, in alto sopra le nostre teste, fino alle prime luci dell’alba. Non sapevamo se significasse guerra, pace o preghiera. Il giorno era annunciato dallo scendere di un silenzio gelido; i taglialegna dormivano, i loro fuochi si andavano spegnendo, lo schianto improvviso di un ramoscello faceva trasalire. Eravamo un pugno di uomini erranti sopra una terra preistorica, una terra che aveva l’aspetto di un pianeta sconosciuto”. Brano tratto dal romanzo “Cuore di Tenebra” di Joseph Conrad Testo piuttosto stratificato e nascostamente complesso, “Cuore di Tenebra”(Heart of Darkness) di Joseph Conrad deve essere letto e interpretato a molteplici livelli. Il primo e più immediato è quello politico. Infatti, Joseph Conrad presenta un quadro che vuole di sicuro essere un atto d’accusa nei confronti di ogni “colonialismo bianco” del continente africano passato, presente e anche vagamente futuro. Prova ne è il fatto che i personaggi del romanzo appartengono alle più diverse nazioni europee (Francia, Germania, Belgio, Inghilterra), per cui l’intera politica coloniale europea è presa di mira insieme all’idea stessa di colonizzazione in quanto “atto di violenza” esercitato…

Maria Domenica Vallone, “Come un girasole”
Senza categoria / 10 Gennaio 2018

Sabato 13 gennaio, alle ore 17.00, presso la scuola materna di Brattirò sarà presentata la raccolta di poesie “Come un girasole” di Maria Domenica Vallone. Il volume è stato pubblicato nei giorni scorsi dalla casa editrice Thoth edizioni di Mario Vallone.  “L’Amore: un ippogrifo dalle ali dorate – si legge nella quarta di copertina del libro – che mi rapisce e mi trascina con sè in questo viaggio poetico. Amore non solo passionale, amore puro, amore che nasce dal dolore e trasforma il dolore in forza, amore per la natura, amore per gli animali, amore per l’universo. Amore, amore e poi ancora amore. E che cos’è la Vita senza amore? Una gabbia angusta creata dall’egoismo e un vuoto impalpabile nel cuore, un cielo di nubi dove non esiste il sole, uno stelo senza fiore. Momenti di intensa gioia seguiti da quelli di struggente dolore si sposano con la speranza di un mondo migliore e con il sogno di un domani che parli di gioia. Il coraggio è la colonna portante di ogni singola emozione.” Maria Domenica Vallone è nata a Vibo Valentia nel 1966. Dopo aver frequentato il Liceo Scientifico si è laureata in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di…

Thoth Edizioni di Mario Vallone
Senza categoria / 14 Novembre 2017

Il catalogo completo dei libri della Thoth Edizioni di Mario Vallone, casa editrice la cui sede è in provincia di Vibo Valentia,  è consultabile al seguente link: vai al sito. Per acquistarli potete utilizzare lo stesso sito, oppure una miriade di store online tra cui IBS (vai al catalogo IBS). Potete richiedere i volumi anche in qualsiasi libreria italiana: è necessario solo indicare il titolo e il nome dell’autore. Se risiedete nel circondario di Tropea – Capo Vaticano, basta recarvi nella sede della casa editrice a San Nicolò di Ricadi, via Vaisette snc (accanto bar Shaker), oppure in uno dei seguenti punti vendita: – Libreria “Profumo di libri” di Virginia Celano Largo Vaccari (Borgo) – centro storico Tropea; – Libreria “Il Pensiero Meridiano” di Chiara Condò Largo ex pescheria – centro storico Tropea; – “Edicola Simonelli” Via Libertà – Tropea -Cartoleria Scarabocchio Via Vaisette San Nicolò di Ricadi; – Bar Pub “Red White” Via Provinciale – Caria di Drapia; – Cartoleria, articoli da regalo “Scarabocchio”- Via Vaisette, San Nicolò di Ricadi. Per info su altri punti vendita in Calabria e librerie amiche in Italia o per qualsiasi chiarimento: 0963 68247; 340 3161630; edizioni@thoth.it.

Un mondo nuovo e coraggioso per l’umanità del futuro
Senza categoria / 17 Giugno 2017

“Il nuovo mondo” ( Brave new world) è un romanzo di fantascienza scritto nel 1932 dallo scrittore inglese Aldous Huxley. Forse uno dei libri migliori ma di sicuro più controversi, oscuri e di grande impatto, “Il nuovo mondo” di Aldous Huxley appare oggi come una metafora letteraria che si accosta molto alla realtà tanto da poter riuscire perfino a superarla. Considerato da sempre un romanzo di fantascienza, “Il nuovo mondo” pone al lettore complesse questioni di etica e una profonda e mai scontata riflessione sull’uomo, la sua società, la trasformazione abissale di entrambi, il destino, reale più che utopistico, dell’intera umanità. Forse Aldous Huxley evrebbe preferito non scrivere un tale libro. Forse la sua scrittura sembra quasi soffrirne, in questo libro, in quanto pare voglia farsi anticipatrice di un futuro, forse impossibile, magari irrealizzabile, ma comunque decisamente inquietante e ammonitore di una natura umana che varca ogni limite concepibile per mezzo del progresso tecnologico, del suo uso abnorme e indiscriminato, del suo dominio sul mondo… un mondo davvero nuovo in tutti i sensi, che fa paura e incute un senso angosciante di timore quasi panico per gli scenari che, realisticamente e magnificamente, dipinge o presenta. “Il nuovo mondo” di Aldous…

Riflessioni minime su “Figli di Terracotta” di Katia Debora Melis
Senza categoria / 3 Aprile 2017

RIFLESSIONI MINIME SU “FIGLI DI TERRACOTTA” di KATIA DEBORA MELIS – Ediz. THOTH (2016) Immaginiamo di trovarci di fronte un grande casale costituito da 5 ampie stanze: ‘Contemporanea’, ‘De malo e bono’ (il buono dal cattivo), ‘Medicamina’ (farmaci), ‘De Amore’ (amare), ‘De somniorum fragmenta’ (i sogni infranti). È ‘Contemporanea’, la prima grande ampia sala interna che si presenta al nostro sguardo di lettori; una sala – provate ad intravederla solo per un attimo – che ha delle grandi vetrate ai lati dell’ingresso, da cui si entra attraversando un portico con colonne classiche di stile corinzio. È da qua dentro che la Poeta scruta il mondo d’oggi e che, da esso, ne assorbe i colori, fermando la vista sul divenire del tempo e scorgendo le convergenze relazionali tra ciò che la circonda e ciò che sente interiormente. È questo il ‘locus tempus’, per rimanere nell’accezione latina da lei usata, il luogo verso il quale s’affaccia al tempo ma, allo stesso modo, quello dal quale si sottrae, come un diaframma espanso e contratto a seconda del sentimento vissuto. Il passaggio del tempo scorso non è, quindi, neutrale. Lo si vede come “…un vecchio quartiere quasi abbandonato” (in ‘Neanche le farfalle’) oppure come…

Come la conchiglia dell’ostrica che tiene in sè la perla negli abissi del mare
Senza categoria / 23 Gennaio 2017

Un disco composto da dieci brani, tutti con un titolo in un certo qual modo poetico e che racchiude in sè un piccolo messaggio; quasi come la conchiglia dell’ostrica tiene in sè la perla negli abissi profondi del mare. Si tratta dell’album “Canzoni in ritardo” del gruppo My Escort. Se dovessi dare una valutazione precisa, da “professionista”(da critico musicale, un pò azzardato forse?)di questo album forse lo definirei rock melodico con una punta di country e qualche puntata ben orchestrata nel progressive. Le sonorità fanno pensare ad un sogno e ad un senso di libertà che non finiscono mai di esploderti dentro. E’ quasi un concentrato piuttosto equilibrato di “on the road”, che sa dare forza alle emozioni e riesce a penetrare nell’animus musicale dell’ascoltatore. I riffs di chitarra sono evocativi di spazi aperti, di un tempo infinito, di una magia che non si comprende e non si vuole comprendere perchè è la pelle a recepirla e a viverla in una intensità di note musicali che non chiede altro e non vuole altro. Nei testi delle canzoni c’è poesia, quanto basta per farsi apprezzare; la voce del singer ha un timbro robusto il quale, però, sa essere soft nei momenti…

Un lieto Natale e un felice anno nuovo

Frammenti di un tempo di festa OLYMPUS DIGITAL CAMERA Falò accesi sulla spiaggia a riscaldare ad indicare… In quieta allegria si rinnova il mistero di una splendida notte stellata in cui il tempo si annulla nei suoi attimi culminanti. Fiaccole accese in cima ai monti in movimento guizzanti nell’aria tersa e gelida ad illuminare la neve candida… In silenziosa armonia si rinnova il ciclo dei giorni e delle stagioni, e lieto appare il ricordo degli istanti trascorsi insieme all’attesa di altri momenti cruciali che forse verranno. Francesca Rita Rombolà P. S. – Un lieto Natale e un felice anno nuovo per tutti. Watch Full Movie Online Streaming Online and Download

Grande festa per ClassicRockOnAir
Senza categoria / 22 Novembre 2016

Lunedì 28 novembre alle ore 18.00, presso i mitici Trafalgar Studios di Roma (via Romeo Romei 11) verrà presentato il programma ClassicRockOnAir, il format radiofonico settimanale ideato da Renato Marengo e condotto dallo stesso Marengo e da Paolo Zefferi. L’incontro sarà un’occasione per festeggiare il traguardo delle 100 radio, per raccontare le novità editoriali del programma, ma anche per presentare il primo numero di Cantautori, il nuovo mensile del gruppo Sprea diretto da Maurizio Becker. Saranno presenti, oltre a Renato Marengo e a Paolo Zefferi, Maurizio Becker, Michele Neri, direttore di «Vinile» e Francesco Coniglio, direttore editoriale di SpreaMusic. Ma anche i collaboratori storici di questo programma: Mario De Felicis e Antonella Putignano che firma ad ogni puntata una rubrica di ironici Aforismini ispirati al mondo del rock. Seguirà un aperitivo. Realizzato con il supporto di Classic Rock, Vinile, Prog, oltre che della nascente Cantautori, ClassicRockOnAir è un format distribuito in collaborazione con L’Altoparlante e che gode del supporto e della collaborazione di Rockol, MEI Audiocoop, Cinecorriere. Ma soprattutto dei celebri Trafalgar Studios presso i quali viene registrato ogni settimana. Ricordiamo che i Trafalgar sono gli studi di registrazione che hanno ospitato alcuni fra gli autori più celebri delle colonne…

ROSMY
 LA VINCITRICE DEL PREMIO MIA MARTINI SI UNISCE ALLA CAMPAGNA SOLIDALE DELLA FONDAZIONE DOPPIA DIFESA ONLUS
Senza categoria / 22 Novembre 2016

La cantautrice sostiene le donne partecipando a diversi eventi di beneficenza volti a combattere la discriminazione, gli abusi e la violenza che spesso si rovesciano su quello che tuttora viene erroneamente definito “sesso debole”.   «Vorrei abbattere quel muro di silenzio che rende le donne vittime di violenza». Rosmy Venerdì 18 Novembre Rosmy ha partecipato a Potenza al FORUM “Amare non è violenza”, il 24 a Milano e il 25 a Salerno. La cantante si esibirà con dei brani che sottolineano questo tema. «Violenza non è solo uccidere. E’ violenza anche quando usiamo parole o gesti mordaci, quando obbediamo per paura. Violenza non è solo strage organizzata in nome di Dio, della società o della patria. La violenza è molto più sottile, molto più profonda.» Rosmy L’artista sostiene che la conoscenza sia l’arma più efficace per combattere la violenza, solo imparando a riconoscerla in tutti i suoi aspetti e prendendo le giuste precauzioni per prevenirla, le donne potranno forse un giorno vivere più sicure. «Questa è la realtà che ci minaccia tutti i giorni, che alcune di noi vivono in prima persona poiché le vittime sono donne come noi. E’ ora di confrontare le nostre esperienze, acquisire consapevolezza per rafforzarci…

L’attimo che fugge per sempre. Dialogando con il professor Angelo Conforti
Senza categoria / 18 Aprile 2016

Intervista al prof Angelo Conforti. Biografia Angelo Conforti ha insegnato Filosofia, Storia e Psicologia in Licei statali. È semiologo, critico cinematografico, presidente dell’Associazione Europea di Psicoanalisi, presidente del circolo della Federazione Italiana Cineforum. Ha pubblicato, a partire dal 2009, i volumi di un manuale di Filosofia per i Licei, Percorsi della filosofia, presso Garamond didattica digitale. Ha pubblicato, presso Csa editrice, i seguenti saggi: Scuola e televisione: il declino dell’Italia – La distruzione della scuola pubblica e del pensiero critico, 2010Facebook è inutile? Dalla reality tv ai social network, nella società e nella scuola, 2015. D – Professor Angelo Conforti, un poliglotta con interessi vari in svariati campi della conoscenza. I suoi interessi cognitivi, infatti, spaziano dalla filosofia al cinema, alla letteratura, alla scuola fino alla psicoanalisi. Non mi sbaglio, vero? Vorrei iniziare questo nostro dialogo parlando di psicoanalisi, visto che Lei è un luminare in questo campo. Cosa ne pensa di Sigmund Freud e cosa di Carl Gustav Jung i “padri fondatori” della psicoanalisi? Lei è junghiano o freudiano? Sono soprattutto uno studioso della psicoanalisi e, da questo punto di vista, posso esaminare le teorie e le scoperte di Freud e Jung senza necessariamente dovermi schierare con l’uno o con…

Il cammino e l’anima: conversazione con Claudio Tomaello
Senza categoria / 18 Marzo 2016

D – Camminare ed esplorare penso sia un’arte. I paesaggi che la vista contempla trovano l’esatto riscontro in ciò che la “vista interna” percepisce nei paesaggi interiori. Claudio Tomaello, cosa significa per te camminare e insieme esplorare? Non riesco a trovare una differenza sostanziale tra questi due verbi, entrambi parlano di viaggio. Ogni volta che trovo la forza di camminare nel mondo, infatti, scopro panorami inaspettati e ogni volta che esploro nuove vie artistiche e di conoscenza trovo strade sconosciute da percorrere dentro di me. Nelle fiabe l’avventura inizia solo quando il protagonista si mette in cammino. Se stai fermo non accade niente e niente mai cambierà. Per diversi anni, in fondo, io sono rimasto sulla soglia di casa. Sognavo una vita diversa, ma avevo paura di addentrarmi nel bosco. Ancora non sapevo che tutte le fiabe archetipiche raccontano che, se hai il coraggio di muovere i primi passi, poi l’aiuto arriva. Puoi starne certo – ti dicono – se ti metti in cammino, l’aiuto arriva. Camminare per me è lasciare le sicurezze acquisite, respirare il vento e attraversare soglie, passando di terra in terra, verso la Terra Promessa. E questa meta non è un concetto astratto ma un luogo…

“Donne al centro del mondo”
Senza categoria / 5 Marzo 2016

MICHELANGELO GIORDANO OSPITE DELL’EVENTO  “DONNE AL CENTRO DEL MONDO” MARTEDI’ 8 MARZO ALLE ORE 21:00 A SESTO SAN GIOVANNI (MI)   Il cantautore Michelangelo Giordano sarà in concerto per l’evento realizzato presso Spazio Arte “Centro Civico Libero Biagi”, in via Maestri del Lavoro, in collaborazione con il Comune di Sesto San Giovanni , che promuove le donne al centro del mondo per ridare loro dignità denunciando ogni tipo di abuso e di violenza. Introduce e modera il dibattito la Dott.ssa Nicoletta Porzano; intervengono: l’Associazione “Da Donna a Donna”, l’Avvocato Sara Cataudella e l’autrice e poetessa Giusy Guarino. A seguire, il cantautore Michelangelo Giordano, insieme ai suoi musicisti, terrà un concerto durante il quale verranno proposte canzoni di denuncia contro la violenza, brani che promuoveranno la tutela dei diritti umani, l’uguaglianza ed alcuni omaggi ad artiste che hanno saputo lasciare il segno con il coraggio delle loro idee e la forza della loro arte. Tra le canzoni proposte anche “Nella stanza chiusa a chiave” tratta dall’album “Le strade popolari” con la quale il cantautore Michelangelo Giordano ha ricevuto il Premio Amnesty International-Una canzone per Amnesty per l’impegno nella tutela dei diritti umani. INGRESSO GRATUITO BIO Michelangelo Giordano, autore, compositore ed interprete…

“Nuovi occhi sul Mugello”
Senza categoria / 9 Gennaio 2016

E’ disponibile il bando di partecipazione alla III edizione del Premio Internazionale Letterario e d’arte “Nuovi Occhi sul Mugello” promosso e organizzato dall’Ass. art. culturale Nuovi Occhi sul Mugello con il Web Magazine/Uff. Stampa Deliri Progressivi e Avis Scarperia- San Piero, Borgo San Lorenzo e Vicchio. Il Premio, da sempre sensibile nei confronti del sociale, quest’anno destinerà parte dei proventi, come indicato ai punti 7 e e 17, per devolverli al Fondo di Solidarietà istituito dalla Consulta della Associazioni di Marradi (Pres. Luciano Neri). La scadenza del bando è il 29 febbraio 2016. La cerimonia di Premiazione sarà  domenica 15 maggio 2016 dalle ore 15:30 nel prestigioso salone dei Tendaggi  di Palazzo Vicari di Scarperia – San Piero (FI). Il bando è presente anche in FB in un apposito evento creato e raggiungibile a questo link: https://www.facebook.com/events/1686620644903033/  Vi sono sezioni a tema e libere sia di poesia, prosa, arte figurativa e video. Per scaricare il bando ecco il file pdf e scheda adesione: http://bit.ly/1XCbdnf mail: premio@nuoviocchisulmugello.it   Consiglio Direttivo NOSM Scarica gli allegati selezionati 657dca99.jpeg (62 Kb) Download , Elimina bando nosm 3.pdf (289 Kb) Download , Elimina (22).jpg (54 Kb) Download , Elimina Messaggi – Contatti – Calendario – Opzioni – PEC webmail – Logout Copyright © 2015 –…

“Da 15 anni scopriAmo talenti”
Senza categoria / 9 Gennaio 2016

C’è tempo fino al 31 gennaio per iscriversi al Premio InediTO-Colline di Torino 2016, concorso talent-scout che scopre nuovi autori e li proietta verso il mondo dell’editoria attraverso un ricco montepremi giunto al prestigioso traguardo della XV Edizione. Il concorso, punto di riferimento in Italia tra i premi letterari per opere inedite, dedicato a tutte le forme di scrittura (narrativa, poesia, teatro, cinema e musica), è presieduto dal poeta DAVIDE RONDONI e diretto dallo scrittore e cantante jazz Valerio Vigliaturo presidente dell’associazione culturale Il Camaleonte di Chieri (TO) organizzatrice. Per festeggiare tale ricorrenza InediTO ha trovato casa in una nuova veste grafica attraverso il nuovo sito www.premioinedito.it dedicato esclusivamente al premio e ha coinvolto, all’interno della giuria, uno dei più geniali ed estroversi artisti italiani, MORGAN (ospite, insieme ai Bluvertigo, del prossimo Festival di Sanremo), che presiede la sezione del Testo Canzone affiancato da Giordano Sangiorgi e John Vignola. Fanno parte della giuria delle altre sezioni, tra gli altri, Aurelio Picca, Margherita Oggero, Davide Longo, Gianluca e Massimiliano De Serio, Isabella Panfido, Diego Casale, Michele Di Mauro, Antonella Frontani, Luca Ragagnin, Valentina Diana. Novità di quest’edizione il coinvolgimento, oltre che delle città di Torino, Chieri e Santena, di Moncalieri e Chivasso, e le neo…

I Dogma: paladini del nuovo british rock
Senza categoria / 3 Dicembre 2015

La band dei Dogma nasce nel 2013 a Chivasso (To). Dopo vari cambi di line-up, è arrivata all’attuale formazione costituita da Beniamino Cristiano alla voce, Armando Calabritto alla chitarra, Tony Scalise al basso, Andrea Ramondetti alla batteria e Jacopo Garimanno alla chitarra solista. “Inconsapevole” è il singolo tratto dal primo album “Sospesi”. “Sospesi” è un disco che riassume le più importanti e suggestive sonorità del british rock degli ultimi quindici anni.L’album “Sospesi” è stato presentato in anteprima durante l’estate 2015 in concerti che hanno visto la partecipazione di Eugenio Finardi, Cristiano De Andrè, Le Custodie Cautelari e molti altri artisti. La band è stata, inoltre, coinvolta, con il brano “Natura Perversa” nel film “Enygma” del regista Alessandro Valenti. Francasca Rita Rombolà ha conversato con I DOGMA su arte, musica, poesia. D – Che importanza ha avuto per I Dogma il british rock? R – I Dogma hanno cercato di dare alla propria musica un’impronta british rock viste le molteplici influenze musicali. Amanti, da sempre, delle sonorità d’oltre Manica hanno voluto fondere suoni e colori british riadattandoli al rock italiano. D – E’ vero che il singolo “Inconsapevole” è stato terminato negli Abbey road studios di Londra da Simon Gibson? Che…

InediTo 2016
Senza categoria / 9 Novembre 2015

Sarà un’edizione speciale, la quindicesima del Premio InediTO – Colline di Torino 2016 che, per festeggiare la ricorrenza, ha coinvolto all’interno della giuria uno dei più geniali ed estroversi artisti italiani, MORGAN. Punto di riferimento in Italia tra i concorsi letterari nazionali per opere inedite, in occasione di questo importante traguardo, InediTO si è regalato anche una nuova veste grafica attraverso il sito www.premioinedito.it dedicato esclusivamente al premio. Il concorso talent-scout, il cui bando esce in questi giorni e scade il 31 gennaio 2016, è nuovamente presieduto dal poeta DAVIDE RONDONI e diretto dallo scrittore e cantante jazz Valerio Vigliaturo, presidente dell’associazione culturale Il Camaleonte di Chieri (TO) organizzatrice. Ad affiancare Morgan nel ruolo di giurati ci saranno, tra gli altri, Aurelio Picca, Antonio Riccardi, Davide Longo, Margherita Oggero, Diego Casale,Gianluca e Massimiliano De Serio, Michele Di Mauro, Antonella Frontani, Luca Ragagnin. Novità di quest’edizione il coinvolgimento, oltre che delle città di Torino, Chieri e Santena, di Moncalieri e Chivasso, e le neo collaborazioni con il festival letterario, I luoghi delle parole di Chivasso e il festival internazionale di poesia Parole Spalancate di Genova, il sistema delleBiblioteche Civiche Torinesi, il portale ufficiale di prenotazioni della Regione Piemonte Booking Piemonte e…

Babilonia, quale simbolo di una società priva di valori veri
Senza categoria / 29 Ottobre 2015

Nel 2008 il collettivo Dub All Sense(DAS)nasce da un’idea di Luigi “Dubline” Telese, producer e ideologo del progetto. Il primo lavoro discografico dei Dub All Sense prende il nome di “Follow the lion”. Pubblicato nel 2009, il disco vede la partecipazione di Madaski(Africa Unite, Dub Sync)e Paolo Baldini(Alambic Conspiracy, BR Stylers)alla produzione artistica. L’anno 2011,esce l’album “Goodbye Riot” prodotto dal collettivo DAS con la supervisione di Neil Perch, che ne cura il mix e il mastering. Tra il 2015 e il 2016, vedrà la luce il terzo album dei Dub All Sense “Bro”, che segna la definitiva consacrazione, il punto di arrivo e, insieme, di inizio della band. Il singolo dal titolo “Babilonia” è un pezzo piuttosto singolare.   Francesca Rita Rombolà ha conversato un pò con i Dub All SenseWatch Full Movie Online Streaming Online and Download   D – Babilonia, la grande città dell’antichità; sinonimo di civiltà decadente ossia di caos, di anarchia, di mancanza di valori e di ideali, di schiavitù e sfruttamento, di mancanza di dignità e di rispetto per la vita umana; simbolo di corruzione e di profitto. Insomma, si potrebbe giusto fare un parallelo con il mondo di oggi. Perchè i Dub All Sense…

Il Codice Voynich: il manoscritto misterioso più controverso al mondo
Senza categoria / 11 Settembre 2015

Claudio Foti nasce il 5 settembre 1967 a Roma, dove vive e lavora. Giornalista, romanziere, saggista ha pubblicato diversi romanzi: MONDO DI ATHON- Dubb e gli adoratori di Fernia – TRILOGIA DI ZYMILL; ROMA 999; TRILOGIA MAYA; 100 COLPI D’ASCIA; LA LANCIA DI LONGINUS fra i più importanti. Mentre fra i saggi spiccano, soprattutto, WINDIGO e CODICE VOYNICH. Alcuni titoli dei suoi racconti: DENDERA; IL RE NERO LYCAORNIA. Claudio Foti collabora con emittenti televisive e radiofoniche locali e nazionali. A testimonianza tangibile della sua passione per la letteratura, ha istituito il premio letterario “Roma da scrivere”. Ma Claudio Foti è, innanzi tutto e primariamente, uno studioso del Mistero in tutte le sue forme e componenti, non solo perché fa parte della redazione di “Portale del Mistero” il primo portale web italiano sui misteri ma perché, da tempo, è uno studioso del famoso Manoscritto(o codice)Voynich, forse il manoscritto misterioso più controverso al mondo, sul quale da sempre studiosi di ogni genere e di fama internazionale, dilettanti e appassionati di mistero, semplici curiosi e perfino la CIA, l’ex KGB sovietico e altri servizi segreti di paesi importanti si sono arrovellati e si arrovellano la mente inutilmente. Francesca Rita Rombolà ha conversato con…

Una data-simbolo per l’umanità
Senza categoria / 6 Agosto 2015

6 agosto 1945. Gli americani sganciano “l’ultima bomba” della Seconda Guerra Mondiale. Una bomba diversa da tutte le altre. Una bomba mai sganciata prima. Una bomba il cui potenziale distruttivo è del tutto sconosciuto e che si rivelerà di una potenza catastrofica inimmaginabile. Si tratta della prima bomba atomica della storia, che annienta in pochi attimi la città giapponese di Hiroshima. Tre giorni dopo, esattamente il 9 agosto, sarà la volta della città di Nagasaki. Finisce “ufficialmente” la guerra, si apre “ufficialmente” l’era del nucleare destinata a cambiare il mondo, che ha in mano, nel bene come nel male, i destini del mondo. Settanta anni trascorsi e una data-simbolo per l’umanità. Il TEMPO NUOVO Un lampo di luce improvviso un fungo micidiale nel cielo terso. E’ l’energia che ha creato l’Universo, è l’energia che distrugge l’Universo. Interdetti i piloti alla guida dell’aereo, ignaro colui che ha sganciato la bomba sulla città. La morte è solo l’ombra di sè stessa nel calore spaventoso che annienta e nullifica in pochi attimi soltanto. Come sarà il mondo domani? E il giorno dopo? E l’altro ancora? Sì, domani l’altro gli uomini rifletteranno sui limiti della scienza e percepiranno l’orrore delle loro paure più inconsce….

La ricezione del lettore e l’affabulazione sapiente di una storia
Senza categoria / 9 Luglio 2015

Maria Teresa Cipri nasce a Roma, nel 1955, da genitori calabresi. Lavora presso il ministero dell’Economia e delle Finanze, con precedenti collaborazioni presso la Camera dei Deputati e la Presidenza del Consiglio dei Ministri. La passione per la letteratura, la storia dell’arte e la scrittura si manifestano in lei molto presto. Ha all’attivo due romanzi: “La rosa dei sensi” e “L’eredità di Antonio”. Il suo terzo romanzo è “Guerra d’amore”, da poco pubblicato dalla Thoth Edizioni; prova narrativa piuttosto impegnativa che segna, forse, il punto di arrivo di una maturità letteraria a lungo perseguita e ricercata dall’autrice. Una copertina raffinata che rimanda a un’immagine di arte nella visualizzazione immediata, il cui significante veicola, prontamente, la memoria come custode della vita oltre il decadimento materiale e spirituale apportato dal tempo. La lettura del romanzo è piacevole e sembra dare al lettore la possibilità di recepire, volendolo, i molteplici sensi nascosti che l’affabulazione sapiente di una storia rivela senza, però, mai svelare del tutto. Francesca Rita Rombolà conversa con Maria Teresa Cipri a proposito del romanzo “Guerra d’amore”. D – Maria Teresa Cipri, cosa rappresenta per te “Guerra d’amore”? E’ importante aver pubblicato questo libro proprio adesso.? R – “Guerra d’amore” è…

La differenza tra la società aperta e la società chiusa
Senza categoria / 16 Giugno 2015

“(…) Mentre l’olismo di Platone era strettamente connesso con il collettivismo tribale delle età precedenti, con il mito dello stato dell’età dell’oro che non conosceva cambiamento alcuno, per cui il suo sogno era di restaurare un’età il più possibile vicina a quella, l’olismo di Marx era invece lanciato verso il futuro: il cambiamento totale non avrebbe dovuto restaurare una società modello su quella antica, su quella originaria, ma crearne una completamente nuova senza quelle contraddizioni interne che già Platone aveva individuate come causa della degenerazione (…)”. Brano tratto da POPPER E LA SOCIETA’ APERTA di Girolamo Cotroneo Questo brano per introdurre una breve riflessione sulla differenza tra la “società aperta” e la “società chiusa” delle quali il libro di Girolamo Cotroneo tratta diffusamente. Una società aperta, cioè liberale, democratica che ha a cuore la dignità umana della persona e il benessere di ogni cittadino e una società chiusa ossia anti-liberale e anti-democratica che non ha nessun rispetto della vita umana e non si cura del benessere di ciascun uomo o donna visti come sudditi e non come cittadini; è questa, in sostanza, l’antitesi di una scelta decisa e radicale che si oppone all’altra. Resta da stabilire, in definitiva, quali sono…

I Racconti di Bianca
Senza categoria / 6 Giugno 2015

Tre extract del libro I RACCONTI DI BIANCA, scritto da Bianca Mannu, pubblicato dalla Thoth Edizioni: Epistola con “tranche à quatre” (exstract) p. 63-64  Irretita da certe sue battute che mi parvero intelligenti e argute, cominciai a scaldare il sogno di far coppia con lui, sulla base di interessi e curiosità comuni e così trovare possibili ruoli nel sociale. Tu, invece, tentavi di superare la depressione per vedovanza precoce e altri problemi esistenziali. Volevamo, tu e io, riprenderci la vita persa in matrimoni deludenti e poveri di riferimenti extrafamiliari. Io volevo colmare una fame di varia umanità, andare a conoscere l’altra faccia della luna non intellettualizzata che passava per autentica; tu cercavi di mettere in terapia l’aspro itinerario della vedovanza inutilmente prospera. Entrambe c’incrociavamo a percorso inoltrato, un po’ amiche e un po’ straniere. Di tutte e due, ero forse io la più marziana, e ne pagavo lo scotto frequentemente. Volevo incontrare qualcuno Il sogno di Aba (exstract) p. 90-91 Quando Valerio, dalla cattedra dell’aula magna del liceo Dettori, aveva pronunciato quell’espressione, Aba aveva sentito intorno un alitare di arie tiepide e accendersi dentro una luce vivida e calda. E allora aveva cominciato a battere le sue piccole ali e…

Il recupero e la conservazione di certi valori della cultura contadina
Pasquale Vallone , Senza categoria / 17 Maggio 2015

“(…) E’ importante, però, il recupero e la conservazione di certi valori della cultura contadina anche per far capire alle generazioni future la semplicità, i sacrifici, il coraggio, la schiettezza, la ricchezza dei valori, la dignità di tutto quel mondo dei nostri padri perchè tutto sia punto di riferimento per un futuro migliore(…)”. Brano tratto dalla prefazione del volume IL RECUPERO DELLA MEMORIA – Gli usi, i costumi e la lingua del territorio brattiroese – di Pasquale Vallone Un titolo dal significato simbolico nel quale sembra concentrarsi l’intero messaggio del libro, un sottotitolo abbastanza impegnativo e una copertina ricercata. Queste le prime tre caratteristiche che colpiscono riguardo al libro di Pasquale Vallone IL RECUPERO DELLA MEMORIA – Gli usi, i costumi e la lingua del territorio brattiroese – quasi una sorta di salvataggio della cultura di “altri tempi” di un piccolo centro (Brattirò) sulle colline di Capo Vaticano, in Calabria. Esso è una panoramica esauriente di quello che di più genuino e spontaneo ha avuto la civiltà rurale di questo territorio, cementatasi attraverso i secoli. Festività, eventi importanti, riti sacri e profani sono descritti in modo semplice e tuttavia con rigore e imparzialità. Notevole soprattutto e di gran merito (è…

Il leader politico nelle democrazie occidentali tra potere e controllo
Senza categoria / 12 Maggio 2015

“(… ) Se il potere esecutivo ha preso da tempo il posto di quello legislativo in quanto sede della decisione politica, più recentemente al suo interno è cresciuto inequivocabilmente il potere del suo capo. La centralità acquisita dal leader nei processi elettorali e governativi non appare reversibile. Il leader è arrivato fin qui per rimanerci.(…) La forza del leader e quella del suo esecutivo dovranno trovare il loro corrispettivo nella forza delle istituzioni incaricate del loro controllo. Tali istituzioni debbono consentire ai leader e agli esecutivi di governare e contemporaneamente debbono vigilare affinché la loro azione avvenga nel rispetto dei diritti dei cittadini, in particolare di quelli che non si riconoscono nella loro politica. I leader passano, la democrazia rimane. I leader possono sbagliare, la democrazia non può permettersi di farlo. Insomma, la buona democrazia abbisogna di leader (donne, e non solo uomini) che sappiano <<mettere le mani negli ingranaggi della Storia >>, come diceva Max Weber ai suoi studenti quasi un secolo fa, ma deve anche preoccuparsi che lo facciano per migliorare, e non per peggiorare, il suo procedere (…). Ecco perché è tempo di elaborare una cultura politica del governo democratico adeguata alle nuove sfide che quest’ultimo sta…

La percezione dell’assoluto silenzio
Senza categoria / 1 Aprile 2015

I TEMPI DURI, band originariamente prodotta da Fabrizio De Andrè e Dori Ghezzi per la Fado, nasce nella prima metà degli anni Ottanta tra le città di Verona e Genova città natale , quest’ultima, di Fabrizio De Andrè. Il nome della band in cui, oltre a Cristiano De Andrè, militano Carlo Facchini, Loby Pimazzoni e Marco Bisotto è un omaggio ai Dire Streets. I TEMPI DURI parteciparono, come gruppo di supporto, a tre tour di Fabrizio De Andrè del 1982: tour invernale, tour europeo e tour estivo. Carlo Facchini conobbe Fabrizio De Andrè durante l’incisione in studio del brano”Una storia sbagliata”, nel quale fu accompagnato alla chitarra da Massimo Bubola. L’esibizione spinse Fabrizio De Andrè ad invitare Carlo Facchini in Sardegna con lui e il figlio Cristiano. Fu in quell’occasione che nacque il rapporto con Cristiano, sfociato poi nella nascita de I TEMPI DURI e con l’entrata nel progetto dell’eclettico e talentuoso chitarrista Loby Pimazzoni e del batterista Marco Bisotto. I TEMPI DURI, oltre a suonare in oltre cento concerti, si esibirono anche in due edizioni del Festivalbar e presentarono i loro brani in alcune trasmissioni televisive tra cui Mr. Fantasy, condotto da Carlo Massarini; Azzurro 83, di Vittorio Salvetti;…

Venerdì 27 marzo 2015 il Mei al Senato della Repubblica
Senza categoria / 27 Marzo 2015

SENATO DELLA REPUBBLICA  presso Sala Convegni – Istituto “Santa Maria in Aquiro” – Piazza Capranica, 72 ROMA Intergruppo parlamentare per la musica e meeting delle etichette indipendenti invitano a STATI GENERALI DELLA NUOVA MUSICA. Per l’occasione sarà presentata la nuova edizione del “nuovomeiduemilaequindici” che si terrà a Faenza il 2,3 e 4 ottobre 2015. Interverranno, tra gli altri, i senatori Elena Ferrara e Stefano Collina, l’assessore alla cultura del comune di Faenza, Massimo Isola, e l’organizzatore del Mei Giordano Sangiorgi. Sarà un confronto tra report scaturito in mezzo agli undici Tavoli della Musica di Roma con oltre duecento voci, un’esperienza mai realizzata prima nel settore della musica, per nuovi spunti a beneficio del settore musicale del futuro. Ci saranno anche interventi degli undici coordinatori dei Tavoli della Musica, tenutisi a Roma in occasione di Roma Caput Indie per i venti anni del Mei, gli interventi dei partecipanti ai Tavoli Generali della Nuova Musica e dei presenti in sala. Inizio dell’incontro ore 10.00. Conclusione prevista per le ore 11.45. Concluderanno la manifestazione la senatrice Elena Ferrara, il senatore Stefano Collina e i colleghi parlamentari dell’Intergruppo Parlamentare per la Musica. Coordinano l’incontro: Giordano Sangiorgi con Tiziana Barillà e Carlo Testini. Il Mei…

Il rap: parole e musica di denuncia
Senza categoria / 18 Marzo 2015

Michele Mazzeo (in arte Cheap) nasce a Vibo Valentia il 14 novembre 1992. La passione per la musica lo spinge, fin da piccolo, allo studio del sassofono. All’età di circa quattordici anni inizia la sua passione per il rap. Il brano NON DEVI CEDERE è il suo primo lavoro , compreso anche in un album attualmente in lavorazione. Il testo è profondo, intelligente e ricco di contenuti. Cheap è molto bravo nel delineare lo spaccato di vita di un’intera generazione di suoi coetanei che vive un’epoca difficile, tanto più al sud. Metriche funamboliche e ritmo incessante della voce sono le sue caratteristiche per un brano molto introspettivo. NON DEVI CEDERE è un sorprendente incalzare di descrizioni e sensazioni provate da un ragazzo di ventidue anni, che si ritrova a vivere al sud con tutte le contraddizioni che la cosa comporta, con l’amore per la sua terra ma anche con la rabbia di vivere un’apparente assenza di prospettive. Il testo della canzone è dello stesso Cheap, mentre la musica è stata scritta insieme a Ettore Diliberto che si è occupato anche degli arrangiamenti. Francesca Rita Rombolà ha provato a rivolgergli alcune domande. D – Ciao Cheap, sei molto giovane, vedo. Come…

Viaggio in Calabria attraverso l’onomatopeica dei suoni
Senza categoria / 11 Marzo 2015

Ho tra le mani un CD. L’ho appena ascoltato. Non si tratta di un CD di canzoni o di brani musicali. In esso ho incontrato suoni, rumori, fruscii, cigolii, voci umane e della natura in una specie di “Zibaldone” in cui l’onomatopeica attraversa ogni traccia dalla prima all’ultima. Ne sono autori Michal Libera e Rinus Van Alebeek. Si è in viaggio…, o meglio, i due autori sono in viaggio in Calabria; una regione dell’estremo sud d’Italia dove la tradizione più remota si mescola all’esotismo e ad una modernità strana quanto di difficile comprensione e descrizione. E il viaggio in una terra esotica e in parte ancora da scoprire viene raccontato, appunto, nelle nove tracce raccolte e registrate, tra luglio e agosto 2014, in varie località calabresi quali: Santa Eufemia di Aspromonte, Gioia Tauro, Roghudi, Catanzaro, Rosarno, Caulonia e altre. “un suono, un odore, un sapore, può creare un’immagine o può restituire un’immagine attraverso il ricordo” diceva Marcel Proust. Alcuni di questi suoni o anche semplici rumori sono riusciti, in me, a suscitare qualcosa: forse un moto interiore, dei ricordi d’infanzia perduti o rimossi, ma pur sempre un qualcosa che rimanda a un tempo semplice e nudo, una vita segnata da…

Poesiaeletteratura.it is Spam proof, with hiddy