Articles Comments

Poesiaeletteratura.it » Archivio

Latori di un volto unico – GIANCARLO MODARELLI

Latori di un volto unico – GIANCARLO MODARELLI

PERCHE’ NON SONO UN POETA Detesto del contesto il testo decifrato. Non sopporto il richiamo d’aiuto ricamato. Non penso d’essermi meritato questo soprannome al limite d’appartenenza. Curioso sono stato, quello sì; in richiamo alla solitudine. La parola del poeta riesamina l’attenzione che rievoca la parola. Non sopporto il poeta a spasso dalla parola l’ho visto zoppicare. Giancarlo Modarelli “Nessuna cosa è là dove la parola manca” recita l’ultimo verso di una famosa poesia dal titolo LA PAROLA del poeta tedesco Stefan George. Poesia sui cui versi … Leggi tutto »

Archiviato in: Giancarlo Modarelli

La fine del tredicesimo anno del terzo millennio

La fine del tredicesimo anno del terzo millennio

FRANCESCA  RITA  ROMBOLA’ ( Brattirò, VV ) QUANDO Quando muore ai margini del villaggio africano per la fame un bimbo. Quando muore sulla panchina di un parco o di una piazza per il freddo un uomo giovane o un vecchio. Quando muore una donna sul ciglio della strada per le percosse subite per lo stupro patito per la violenza silenziosa e oscura dentro le mura di casa. Quando muore un gatto maciullato sull’asfalto e un cane abbandonato ovunque e dapertutto. Quando la furia dell’acqua e la forza del … Leggi tutto »

Archiviato in: Francesca Rita Rombolà

Natale 2013

Natale 2013

Può darsi sia soltanto un altro modo, per reggere da solo e stanco l’urto violento della vita, io, come i monaci chiusi nel distacco delle loro celle certe della coercizione ma senza l’obbligo dell’atto volontario senza scegliere con intenzione la scelta loro di esclusiva, da escluso intanto in reclusione contro il mio stesso desiderio ma libero infine dal suo imperio rinato con la nascita di Dio. Paolo Ruffilli Neanche per questo Natale 2013, Paolo, sei mancato all’appuntamento. Poeti o soltanto disillusi dalla vita? Spiriti liberi alla ricerca di … Leggi tutto »

Archiviato in: Paolo Ruffilli - poesia -

Quasi una canzone che culla le onde del mare – ALESSANDRO OLIVIERO

Quasi una canzone che culla le onde del mare – ALESSANDRO OLIVIERO

L’amore è un pirata stanco marcio di alcool aggrappato al bancone della taverna di legno sul porto di mare sul mare di legno fradicio di sale e racconta una storia che viene dal mare e finisce ogni frase con la stessa cadenza come le onde del mare lui non dice parole le infrange noi siamo l’eterno ritorno lui dice che siamo l’eterno ritorno Alessandro Oliviero Quasi una canzone che culla le onde del mare. Come una nenia che calma i marinai quando il mare è in tempesta, e la loro memoria si perde … Leggi tutto »

Archiviato in: Alessandro Oliviero

Passeggiata tra i versi di una poesia – MARIAGRAZIA CAGLIOTI

Passeggiata tra i versi di una poesia – MARIAGRAZIA CAGLIOTI

Vieni, passeggia con me almeno nella mia ultima poesia, quella che ti dedicherò come mio ultimo dono, vieni, passeggia con me tra le righe ogni riga sarà una via un sentiero, il greto di un fiume o la riva del mare vieni, passeggia nelle mie emozioni esse lasciano la scia come le lumache passeggia con me ai bordi del mio cuore sugli speroni aguzzi della malinconica agonia di un giorno che muore. Vieni, corri con me incontro ai sogni ai sogni ancora assonnati all’alba incontro ai colori che non hanno dolore vieni, … Leggi tutto »

Archiviato in: Mariagrazia Caglioti

Il luogo dove gli angeli custodiscono il segreto degli atomi – ETTORE MAIORANA e LOMORANDAGIO

Il luogo dove gli angeli custodiscono il segreto degli atomi – ETTORE MAIORANA e LOMORANDAGIO

“(…) Per giungere alla completa definizione della struttura dell’atomo, lo stesso Bohr fondò e proseguì gli studi nell’Istituto di Fisica Teorica di Copenaghen dove confluirono i nomi più illustri della fisica mondiale tra cui il francese De Broglie, gli austriaci Pauli e Schrodinger, il tedesco Heisemberg e l’inglese Dirac. La collaborazione di questi geni della fisica moderna portò alla prima affascinante formulazione della ‘meccanica quantistica’. Fu proprio Louis Victor De Broglie, nel 1924, il primo … Leggi tutto »

Archiviato in: Lomorandagio

Un terribile eufemismo – LUCIANO GAROFANO e GIORGIO NAPOLITANO

Un terribile eufemismo – LUCIANO GAROFANO e GIORGIO NAPOLITANO

“Ogni otto minuti nel mondo una donna viene assassinata. (…) Il più delle volte sono vittime in tutti i sensi: della povertà o della prostituzione organizzata, prima ancora che del serial killer che ha rivolto la propria furia omicida contro di loro.(…) Ma si uccidono le donne anche per senso di possesso frustrato, perché non si vuole accettare la fine di una relazione o per gelosia, spesso associata a vere e proprie forme di ossessione … Leggi tutto »

Archiviato in: Luciano Garofano / Giorgio Napolitano

Il senso di una trasformazione interiore – ENZO TACCONE

Il senso di una trasformazione interiore – ENZO TACCONE

Si dice, da sempre, che il famoso Cammino di Santiago cambia le persone che lo compiono. Forse sarà così. Sì, di sicuro è così. Lo scrittore brasiliano Paulo Coelho è diventato scrittore proprio dopo aver compiuto questo Cammino (che poi descriverà in modo, diciamo così, metaforico e alquanto fantastico nel suo libro IL CAMMINO DI SANTIAGO). Molte altre persone, conosciute e non, dopo aver compiuto il Cammino di Santiago, si sono sentite trasformate, trasformate dentro, e … Leggi tutto »

Archiviato in: Enzo Taccone

La quasi impraticabilità dell’arte di amare – ERICH FROMM

La quasi impraticabilità dell’arte di amare – ERICH FROMM

“(…) La madre dovrebbe avere fede nella vita e non essere ansiosa, per non comunicare al bambino la sua ansia. Parte della sua vita dovrebbe essere il desiderio che il bambino diventi indipendente, ed eventualmente separarlo da lei. L’amore paterno dovrebbe essere guidato da principi e da speranze; dovrebbe essere paziente e tollerante anziché minaccioso e tirannico.” Brano tratto da L’ARTE DI AMARE di Erich Fromm Da questo brano tratto da L’ARTE DI AMARE di Erich Fromm … Leggi tutto »

Archiviato in: Erich Fromm

La correlazione tra cultura e violenza – HEINRICH POPITZ

La correlazione tra cultura e violenza – HEINRICH POPITZ

Si può accettare la violenza? Si può capire la violenza? La violenza sui minori, sulle donne, sugli animali, sui più deboli e sui più indifesi, la violenza razziale. Si può dare una risposta a queste domande? La violenza si veste di una “forma di comunicazione” caratterizzata da un rapporto di forze asimmetrico. Il non riconoscere l’altro come proprio simile è funzionale al fatto che la violenza possa compiersi, si costruisce cioè simbolicamente una differenza perché … Leggi tutto »

Archiviato in: Heinrich Popitz

L’Umanesimo e la vita dello spirito – OMERO

L’Umanesimo e la vita dello spirito – OMERO

“Così dicean tra loro, quando Argo, il cane Che ivi giacea, del paziente Ulisse, La testa ed ambo sollevò le orecchie. Lo nutrì un giorno di sua mano l’eroe, Ma, spinto dal suo fato a Troia, Poco frutto potè. Bensì condurlo Contro le lepri e i cervi e le silvestri Capre solea la gioventù robusta. Negletto allor giacea nel molto letame Di muli e buoi sparso alle porte innanzi, Finchè, i poderi a facondar d’Ulisse, Ne togliessero i servi. Ivi il buon cane, Di turpi zecche pieno, … Leggi tutto »

Archiviato in: Omero

Per un’immane tragedia del mare e degli uomini

Per un’immane tragedia del mare e degli uomini

MIGRANTI Migranti. Migranti nel mare nel mare più ricco di storia del mondo. Dalla guerra, dalla fame, dalla disperazione da tutto in fuga e ancora in fuga e sempre in fuga a lottare contro la cieca furia degli uomini e l’ultima lotta contro la violenza delle onde inumane. Ho visto molte mani di colore nero annaspare ma non ho teso le mie mani per aiutare. Ho sentito molti bambini urlare ma non ho saputo porgere l’orecchio per ascoltare. Ora tante bare allineate straniere fra stranieri: un numero sul volto sconosciuto talvolta un fiore di fretta abbandonato il mio … Leggi tutto »

Archiviato in: Francesca Rita Rombolà

La forza segreta che rende vicini-COSMINA FURCHì GLIATAS

La forza segreta che rende vicini-COSMINA FURCHì GLIATAS

AMORE PROFONDO Una foto, una foto ancora, un sorriso immortalato che diventa memoria. Un abbraccio, un ricordo, da tenere per mano la tua forza segreta quando sei ormai lontano, nel cammino prescelto, non da te ma da Dio, e lo sai che al tuo fianco ci sarò sempre io. Uno scatto, uno scatto ancora, uno sguardo immortalato che diventa storia e ti segue, ti culla, non ti lascia mai solo della mente e del cuore è un enorme tesoro. Le distanze non hanno mai potere sul … Leggi tutto »

Archiviato in: Cosmina Furchì Gliatas

Una piccola verità antica e inattuale per il mondo – FRIEDRICH NIETZSCHE

Una piccola verità antica e inattuale per il mondo – FRIEDRICH NIETZSCHE

“Giunto nella città vicina, sita presso le foreste, Zarathustra vi trovò radunata sul mercato una gran massa di popolo: era stata promessa infatti l’esibizione di un funambolo. E Zarathustra parlò così alla folla: Io vi insegno il superuomo. L’uomo è qualcosa che deve essere superato. Che avete fatto per superarlo? Tutti gli esseri hanno creato qualcosa al di sopra di sè: e voi volete essere il riflusso in questa grande marea e retrocedere alla bestia … Leggi tutto »

Archiviato in: Friedrich Nietzsche

Binomio e connubio sempre difficile e aspramente criticato in letteratura -LORENZO SPURIO e IAN McEWAN

Binomio e connubio sempre difficile e aspramente criticato in letteratura -LORENZO SPURIO e IAN McEWAN

“(…) Ma in letteratura l’utilizzare il linguaggio doppio con allusioni sessuali, scene osé, incontri erotici, descrizioni di perversioni sessuali e di atteggiamenti licenziosi com’è visto e interpretato? E’ ancora visto come immorale, com’era decenni fa, oppure anche la letteratura è stata attraversata da una sorta di rivoluzione dei costumi? E’ difficile dirlo. Chi scrive scene di sesso prive di una dimensione propriamente erotica o utilizza nella narrazione gli amplessi per inscenare rottura, chi narra di … Leggi tutto »

Archiviato in: Lorenzo Spurio, Lorenzo Spurio / Ian McEwan

L’animale delle intemperie e il solo atto a superarle – EMANUELE SEVERINO

L’animale delle intemperie e il solo atto a superarle – EMANUELE SEVERINO

“(…) In una situazione in cui domina la fede nell’impossibilità di una qualsiasi verità definitiva, ciò che decide lo scontro tra le diverse fedi di cui quella fede dominante è cosciente non è la loro verità incontrovertibile – giacché esse sono fedi, proprio perché non sono verità incontrovertibili – ma è la loro forza pratica, cioè, da un lato, la loro forza di persuasione, dall’altro lato la capacità del loro contenuto di persuadere che esso … Leggi tutto »

Archiviato in: Emanule Severino

Quel lato che la luna non mostra mai – KATIA PUGLIESE

Quel lato che la luna non mostra mai – KATIA PUGLIESE

Una sera d’estate. Una sera di luna proprio in sintonia con la copertina, innanzitutto, e con il contenuto della silloge poetica di Katia Pugliese PENSIERI NOTTURNI SUL PIACERE DI SENTIRE. Sono moltissimi anni ormai che scrivo poesie, che recensisco poesie, che, in una parola, mi occupo di Poesia. Non so se sono un poeta oppure no; di certo, però, ho sempre vissuto come un poeta a volte maledetto, altre volte distaccato, qualche volta soddisfatto ma … Leggi tutto »

Archiviato in: Katia Pugliese

La grande illusione di fine millennio – JEAN JACQUES ROUSSEAU

La grande illusione di fine millennio – JEAN JACQUES ROUSSEAU

“(…) Il principio della vita politica è nell’autorità sovrana. Il potere legislativo è il cuore dello Stato, il potere esecutivo ne è il cervello, che da il movimento a tutte le parti. Il cervello può essere colpito da paralisi e l’individuo vivere ancora. Un uomo resta imbecille e vivo: ma non appena il cuore ha cessato di funzionare, l’animale è morto. Non è per mezzo delle leggi che lo Stato sussiste, ma per mezzo del … Leggi tutto »

Archiviato in: Jean Jacques Rousseau

Una via di stelle lontana, lontanissima – PIETRO PANCAMO

Una via di stelle lontana, lontanissima – PIETRO PANCAMO

SOMIGLIANZE A quest’ora ogni paese è un fagotto di stelle e di buio. Ma lo è pure questo cielo vagabondo (guscio d’aria e di respiri) che stringe in un solo mondo città, mari e tempeste. Ma lo è pure questa via (intirizzita di pioggia) col suo buio incatenato ai lampioni e un pò di stelle che sussurano al mio palazzo la ninna nanna: vedo tante finestre chiuse fra perimetri di sonno. A quest’ora ogni uomo è un fagotto di buio e di stelle. Pietro Pancamo   La luce e le tenebre. Le stelle e il buio. Il buio e le stelle. … Leggi tutto »

Archiviato in: Pietro Pancamo

La strana ironia della Storia – GAMAL GHITANI

La strana ironia della Storia – GAMAL GHITANI

Anno 923 dell’Egira, a. D. 1517 “Durante tutte le mie peregrinazioni, non ho mai veduto città dilaniata quanto sembra esserlo il Cairo in questi giorni. In principio, non ho nemmeno osato avventurarmi per strada, ma poi mi sono fatto coraggio: nell’atmosfera si respira un odore di morte, freddo e persistente. Gli uomini del Sultano ottomano presidiano le vie della città; penetrano nelle case, dove porte e pareti non riescono più a offrire protezione alcuna contro le … Leggi tutto »

Archiviato in: Gamal Ghitani

Il bisogno della festa popolare – CORRADO L’ANDOLINA

Il bisogno della festa popolare – CORRADO L’ANDOLINA

“Quelli che erano in quell’emporio e nei vicini monasteri vedendo e sentendo le cose mirabili che erano state operate, portando croci, ceri e benedicendo il Signore con inni, cantici e salmi, giunsero in quel monastero dove riposa il corpo di lei; benedissero il Signore Dio che fino allora aveva operato molte cose mirabili per la preghiera e il merito della santa Vergine Marina, cui il Signore si era degnato di dare tanta grazia”. De vita et … Leggi tutto »

Archiviato in: Corrado Antonio L' Andolina, Corrado Antonio L'Andolina

ULTIMO con gli ultimi e fra gli ultimi

ULTIMO con gli ultimi e fra gli ultimi

“Perché per noi lottare sarà sempre sognare e non sarà mai condannare.” Ultimo Prendo spunto da queste parole, dall’alto valore simbolico, per tentare una riflessione su un ideale, una scelta di vita, un essere e un sentirsi realizzati, un modo di rapportarsi alla società, un misurarsi con se stesso e con l’altro. Chi le ha pronunciate è un uomo certamente fuori dal comune, un uomo che mi piace definire “idealista spietato” come il protagonista del mio romanzo … Leggi tutto »

Archiviato in: Ultimo

In attesa, forse, di una rinascita o di una resurrezione dal fuoco e dallo spirito – GIORGIO MANACORDA

In attesa, forse, di una rinascita o di una resurrezione dal fuoco e dallo spirito – GIORGIO MANACORDA

“Noi siamo una specie in via di estinzione, commissario: faremo la fine degli scoiattoli italiani. Qualcuno ce l’ha con i poeti.” “Un parco selvatico, addirittura fiabesco nel suo silenzio e nel suo isolamento.” Citazioni tratte dal romanzo DELITTO A VILLA ADA di Giorgio Manacorda Giorgio Manacorda, oggi docente di Lingue e Letterature straniere moderne all’Università della Tuscia a Viterbo, ha insegnato anche all’Università della Calabria, a Cosenza, e presso l’Università “La Sapienza” di Roma. Ha scritto diversi saggi … Leggi tutto »

Archiviato in: Giorgio Manacorda

L’Abisso: nulla angosciante o struggente anelito di eternità? – BEDA

L’Abisso: nulla angosciante o struggente anelito di eternità? – BEDA

“L’Abisso e la luce del mondo, La pena del tempo e il desiderio di eternità, Visione, avvenimento e poesia: Era ed è colloquio con Te.” Martin Buber   Riporto questa breve, profonda e intensa prosa poetica del poeta e scrittore tedesco Martin Buber per introdurre una raccolta di poesie direi particolare per i significati e i significanti, per il contenuto e la parola, per i sensi nascosti e palesi, per ciò che dice e per ciò che non dice. Il titolo … Leggi tutto »

Archiviato in: Enrico Beda

Libertà: una parola appena, una parola soltanto LUDOVICO GEYMONAT e BRAVEHEART

Libertà: una parola appena, una parola soltanto LUDOVICO GEYMONAT e BRAVEHEART

“(…)E’ il carattere di lotta, carattere che pone in luce la dinamicità della libertà in qualunque significato la si voglia intendere. Ne segue che la libertà non è uno status che si possa raggiungere una volta per sempre oppure che, una volta conseguito, richieda solo di essere difeso. Al contrario, esso richiede di essere perennemente ampliato, approfondito, discusso. L’unico modo di difenderlo è quello di sottoporlo a continue critiche; è quello di potenziare la sua … Leggi tutto »

Archiviato in: Braveheart, Ludovico Geymonat

La città: inferno di cristallo o paradiso di plastica e acciaio?

La città: inferno di cristallo o paradiso di plastica e acciaio?

Ebla, in Medio Oriente; Ur e Babilonia nella Mesopotamia; Gerico, la prima città edificata dall’uomo, in Palestina, sorgono in tempi molto remoti, quando l’umanità sta appena uscendo da una preistoria ambigua e piuttosto sconosciuta. Fin dalla loro fondazione, queste città si delineano subito come centri urbani di sicuro raffinati, depositari di una civiltà abbastanza sviluppata e con una capacità di contenimento umano, in un certo senso, di vera e propria metropoli per l’antichità. Sono città … Leggi tutto »

Archiviato in: Sin city

Poesiaeletteratura.it is Spam proof, with hiddy