Raffaella Milandri, viaggiatrice solitaria e ambasciatrice di pace presso popoli lontani
Raffaella Milandri / 11 Dicembre 2019

Scrittrice e giornalista, Raffaella Milandri, attivista per i diritti umani dei popoli indigeni, è membro onorario della Four Winds Cherokee Tribe in Louisiana e della tribù Crow in Montana. Come viaggiatrice solitaria è stata accolta da tribù nei più remoti angoli del mondo. Ha pubblicato “Io e i Pigmei. Cronache di una donna nella foresta”(Polaris 2011); “La mia tribù. Storie autentiche di indiani d’America” (Polaris 2013); “In India. Cronache per veri viaggiatori” (Mauna Kea 2019, seconda edizione); “In Alaska. Il paese degli uomini liberi” (Mauna Kea 2019, seconda edizione); “Liberi di non comprare. Un invito alla rivoluzione” (Mauna Kea 2019, seconda edizione); “Gli Ultimi Guerrieri. Viaggio nelle riserve indiane” (Mauna Kea 2019). Francesca Rita Rombolà e Raffaella Milandri hanno trovato degli spunti interessanti per dialogare brevemente insieme. D – Vedo, Raffaella, che ami le culture più lontane nello spazio e le più disparate. Da che cosa nasce questa tua passione? R – Fondamentalmente amo le persone semplici, come me. I popoli indigeni offrono una freschezza e spontaneità dell’animo umano così lontane dal nostro sistema consumistico ed edonistico, che è un vero e proprio refrigerio per il mio animo. Inoltre, sono veri ambientalisti e hanno un contatto profondo con la Natura…

Poesiaeletteratura.it is Spam proof, with hiddy